Trovare un lavoro dopo il diploma che unisca possibilità di carriera e passione scientifica adesso è possibile. Il settore delle biotecnologie industriali e ambientali è in costante crescita per soddisfare le esigenze del mondo contemporaneo. Una figura sempre più ricercata dalle aziende è quella di “Tecnico superiore per il sistema di qualità di prodotti e processi a base biotecnologica”.  Chi possiede questa specializzazione contribuisce alla gestione e al controllo qualità nei comparti chimico-farmaceutico, alimentare, ambientale e dei bio-materiali. L’ampio ventaglio di settori che richiedono questo ruolo e la costante necessità di professionisti competenti e qualificati garantiscono un futuro professionale sicuro e ben retribuito. Vediamo nel dettaglio quali sono le mansioni del Tecnico superiore per il sistema di qualità di prodotti e processi a base biotecnologica.

Che cos’è il sistema di qualità di prodotti e processi biotecnologici

Il sistema di qualità per i prodotti e i processi si riferisce a un insieme di pratiche, procedure e standard mirati a garantire determinati requisiti di qualità, sicurezza ed efficacia. Nell’ambito della biotecnologia questo sistema si concentra sulla gestione della qualità e delle buone pratiche di produzione in questo specifico contesto. Per esempio, nella produzione biotecnologica, è cruciale garantire la coerenza e la riproducibilità dei risultati ottenuti. Il sistema di qualità include quindi controlli rigorosi per monitorare e gestire ogni fase del processo: dalla progettazione allo sviluppo, dalla produzione alla distribuzione dei prodotti biotecnologici.

Chi si occupa della gestione della qualità nelle biotecnologie?

Il Tecnico superiore per il sistema di qualità di prodotti e processi a base biotecnologica contribuisce e alla corretta applicazione di standard e procedure di produzione. Può partecipare sia alla selezione delle materie prime sia alla validazione dei processi e alla verifica degli impianti utilizzati. Inoltre è specializzato nelle normative per il controllo qualità e segue le autorizzazioni necessarie per poter immettere i prodotti sul mercato. Per queste sue competenze è una figura chiave per tutte le aziende del settore chimico-farmaceutico e tecnologico. Tuttavia può scegliere di lavorare anche in qualità di consulente esterno e libero professionista.

Come si diventa Tecnico superiore per il sistema di qualità di prodotti e processi biotecnologici?

I giovani tra i 18 e i 35 anni possono ottenere la qualifica di “Tecnico superiore per il sistema di qualità di prodotti e processi a base biotecnologica” attraverso il percorso ITS BIOQUALTECH. Il corso permette di conseguire il diploma a seguito di una formazione di 4 semestri per un totale di 1800 ore. Per accedere al percorso è necessario avere un diploma di scuola superiore o aver frequentato un percorso quadriennale di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS). La formazione comprende lezioni in aula, laboratori e stage presso un’azienda del settore per favorire l’inserimento nel mercato del lavoro.

Vuoi fare domanda per ottenere la qualifica? Hai ancora una possibilità: le iscrizioni al corso sono riaperte fino al 7 gennaio 2024. Scopri tutti i dettagli su ITS BIOQUALTECH.